Login >

L'avatar di

adri01

Fumetti

Archimede Pitagorico

Nome:

Archimede Pitagorico (in inglese Gyro Gearloose)

Città:

Paperopoli

Prima apparizione nei fumetti:

nella storia Gladstone's terrible secret (Paperino e l’amuleto del cugino Gastone) di Carl Barks del 1952.

Segni particolari:

è un “papero da laboratorio” che trascorre ore nella sua officina. Straordinariamente intelligente e creativo, sprizza sempre energia positiva e non esita ad aiutare gli amici quando hanno bisogno di lui.

Descrizione

Creato da Cark Barks, Archimede è una vera benedizione per Paperopoli. Genio tuttofare e inventore di ogni cosa, Archi è infatti il fornitore ufficiale di tecnologia di Paperinik e zio Paperone: due "cittadini" un po' fuori dal comune! Aiutato dal robottino Edi, che lui stesso ha costruito, Archimede passa le giornate in laboratorio, dedicandosi anima e corpo alla sua passione, cercando nuovi modi per fare di questo mondo un posto migliore. Benché a prima vista possa sembrare distratto e un po' disadattato, il buon vecchio Archimede possiede in realtà le doti che tutti dovrebbero avere: semplice e genuino, è capace di farsi in quattro per un amico, lavorando anche gratis se necessario. Forse è proprio qui che sta la vera genialità di Archi: se ci comportassimo tutti come lui, il mondo sarebbe davvero un posto migliore!


159
Chiedilo al topo
scrivici

Frank88, Email

Caro Archimede,

inventi un robot che mi faccia i compiti?

Potrai inventarlo tu, però prima devi proprio farli, i C.O.M.P.I.T.I. (Cimenti Onerosi Ma Produttivi Impegnativi Tuttavia Indispensabili)! Dai!

 

4
Leggi un'altra domanda
3341editoriale
1
1

Direttore

Topo 3341

Cari amici di Topolino, ancora un numero ricco di ...

3341 topoteam nuovosito
0
7

Topoteam

Nuovo sito in arrivo!

Ciao a tutti, tenetevi pronti: fra qualche giorno ...

469
132

DoubleDuck - Codice Olimpo

Un nuovo importante incarico attende DoubleDuck, reclutato insieme a Kay K per indagare su...

Continua >

Silvia Gianatti

Sceneggiatori

Da piccola voleva fare la cartolaia, poi Silvia ha deciso che le penne più che venderle v...

Continua >